Tag Archives: poesia

Itaca

2 Mar

Non ho una buona memoria musicale e spesso non ricordo le parole delle canzoni che mi accompagnano dalla giovinezza. Questa realtà mi ha regalato il privilegio di leggere i cantautori italiani, e in particolare Lucio Dalla, come scrittori e poeti. Plasmata dagli studi classici, mi sono ritrovata ad amare incondizionatamente e parallelamente una canzone ed una poesia dallo stesso titolo odissiaco: Itaca. Per voi, due passaggi scelti che rappresentano due stadi complementari del viaggio: l’eccitazione della scoperta del diverso e la melanconia della lontananza forzata.

Devi augurarti che la strada sia lunga.
Che i mattini d’estate siano tanti
quando nei porti – finalmente e con che gioia –
toccherai terra tu per la prima volta:
negli empori fenici indugia e acquista
madreperle coralli ebano e ambre
tutta merce fina, anche profumi
penetranti d’ogni sorta; più profumi inebrianti che puoi,
va in molte città egizie
impara una quantità di cose dai dotti.

(Itaca, Kavafis)

Capitano che hai negli occhi
il tuo nobile destino
pensi mai al marinaio
a cui manca pane e vino
capitano che hai trovato
principesse in ogni porto
pensi mai al rematore
che sua moglie crede morto
itaca, itaca, itaca
la mia casa ce l’ho solo

(Itaca, Dalla)
Grazie a chi è capace di raccontare la concretezza della realtà umana, variabile e multiprospettica, attraverso la sensibilità di una parola poetica calibrata ed essenziale.
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: