Archivio | Perché leggere i classici? RSS feed for this section

Back with classical quotes: elitism and mass

23 Apr

Les origines de Rome sont donc un imaginaire que nous allons tenter de saisir au premier siècle av. J.-C. Sans privilégier une élite “éclairée” qui sera plus proche de “nous”, plus “évoluée”- les poètes, les philosophes et les grands hommes- aux dépens des classes inférieures qui seraient encore engluées dans les superstitions ancestrales. Cicéron, César, Virgile ou Auguste nous sont a priori aussi incompréhensibles que le paysan qui bine son champ sous le soleil et qui ne voit pas plus loin que le dieu Terme bornant son domaine: ils partagent un même imaginaire. Auguste ou Virgile n’étaient ni en avance sur leur temps, comme on entend souvent dire dans les médias, ni au-dessus des idées vulgaires ou des passions communes, transcendés par leur génie ou leur destin, ni plus proches de notre “raison”. Cet imaginaire commun cependant ne les enferme pas dans une vision du monde unifiée, une Weltanschauung, car ils partagent pas un système de représentations figées mais un ensemble de pratiques de toutes sortes -y compris verbales et esthétiques- grâce auxquelles une communauté vit dans l’espace qui est le sien.
F. Dupont, Rome, la ville sans , 2011, p.20-21.

Annunci

Retorica della mobilità

4 Lug

La conversazione quotidiana con autori antichi morti e stramorti mi aiuta a superare i momenti di vuoto abissale che a volte mi stringono la gola: la struttura del pensiero umano è tendenzialmente, in maniera banale e rassicurante, uguale a se stessa nei secoli e nei secoli.
Quando sono assalita dai dubbi sul mio percorso ragiono sempre in termini antitetici. Davanti ai miei occhi si delineano due nuvolette: la prima bianca e paradisiaca, melenso melange di sicurezza e creatività; la seconda, grigia e temporalesca, all’insegna del “chissà che sarà”.
Lo studio della retorica classica mette in evidenza la preferenza squisitamente umana per la figura dell’antitesi: inquadrare la realtà in categorie opposte ed alternative è la migliore garanzia per una stabilità fittizia. Ecco davanti a noi, i buoni e i cattivi, i giusti e gli ingiusti ed, ultimamente, quelli che partono dall’Italia e quelli che restano in Italia.
Un commento senza peli sulla lingua. Sfuggiamo alla più banale delle illusioni: restare non significa forzatamente resistere per la collettività, partire non corrisponde necessariamente ad una fuga alla rincorsa dei propri interessi personali.
D’altra parte l’antitesi punta a valorizzare due termini attraverso la loro reciproca contrapposizione, si costruisce su un giudizio di valore e non di verdicità.
Teniamo a mente questo monito letterario ed umano, scovato su un libro del primo novecento:

“The unthoughtful reader frequently needs to be reminded that a sentence is not necessarily true because it is antithetical.”
J. Rossiter, The alphabet of rhetoric, 1903

Classical donuts: that’s it!

9 Giu

Ladies and Gentlemen, good evening! Every day, on social networks, we codify our identity through the description of what we are doing (I’m eating a donut), what we love (I like donuts) and what we are able to do (My skills include eating donuts). In real life, I am not a social media expert nor a pastry-cook but a classical philologist: in short, I study ancient texts in order to reconstruct Greco-roman civilization and I’m sure that the Greeks would have liked to add a line to this table: “Why am I eating a donut?” For the ancient Greeks, to know means to know through causes. By posing the question why, they were able to deeply restructure our world. From here on, I’d like to invite you to share with me an exceptional snack; I shall offer you my classical donuts. Four donuts to represent the four activities at the heart of classical studies: reading, editing, translating, and interpreting. Four activities through which I hope to let you discover four spiritual attitudes indispensable for exploring the question of why in the modern world.

 1) Reading and honesty

Schopenhauer said about the classics: “Take any one of them into your hand, be it only for half an hour, and you will feel yourself refreshed, relieved, purified, ennobled, strengthened”. You can imagine my disappointment when, most of the time, after several hours of work on the same text, I feel like…this! Where did I go wrong? In fact, reading the classics initially make us tired, bores us and overloads us. Reading classics teaches us the importance of intellectual honesty. The admission that the classics are not made to be understood at first sight is indispensable for having the satisfaction which pervades us when, after having overcome many obstacles, we finally manage to feel the text. More generally, when, in real life, we find ourselves confronted with something difficult, we should not feel downcast or give ourselves over to false intellectualism. Instead, understanding our limits and in what way the inaccessible is different from us represents the first step toward the conquest of knowledge.

 2) Edition and democratization

Imagine I had accidentally spilled a cup of good Italian coffee on the notes that I prepared for this conference. Now imagine being in another epoch without printers or PDF files and that some people, finding this text, decide to copy it with the purpose of diffusing it. We could have many copies of my text all characterized by a gap corresponding to the coffee stain. Thanks to this gap, a philologist could easily identify this text as a second-hand text, which is then, in principle, less trustworthy. This example teaches us a lot of things about the situation of information nowadays, organized in big macro groups. If one piece of information is omitted by the primary source, we would probably find the same omission in the dependent copies. In order to bring about the democratization of information we don’t need to multiply the sources infinitely. We need instead, as in the field of editing, to engage in the choice of pertinent criteria for selecting and reusing these pieces of information.

 3) Translation and abstraction

The practice of translation has taught me the distinction between the method and the objective of an enquiry. In my field of study, rigorous linguistic analysis is an indispensable tool but it doesn’t coincide with the final goal, with the deep motivation that animates the translator: by this, I mean the reconstruction of the global sense of the text. The balance between method and objective occupies a central place in the current debate on education.

Was education to make students better men and citizens, or to prepare them for the real world? (As if the two goals were different!) V.D.Hanson, J.Heath, Who killed Homer? 1998

The package of essential knowledge transmitted to us by education is a way to access, through an effort of abstraction, a higher goal: constructing our own morality and elaborating our vision of the world. The distinction between method and objective requires us always to make an effort of abstraction, which allows us to place that what we want to do instead of what we can already do at the top of our pyramid of priorities.

 4) Interpretation and responsibility

The sense of a text is reconstructed by contextualizing the text’s micro units: every word can potentially influence the overall interpretation. We are like the words of a text, we are bearers of sense. We should stop considering change as an exterior element, imposed on us by society or the latest technological innovation. We should instead internalize the changes and understand that, in spite of ourselves, we constitute fundamental elements for the construction of collective meaning.

 Our snack is now over. Reading, editing, translating and interpreting. Why have I told you all this? I hope to inspire a silent global change. Leaving here, take up the challenge of revolutionizing your personal knowledge. Develop variety, make your objectives clear, verify your sources but above all undertake as a priority the responsibility to feed daily your curiosity, read, structure your vision of the world around your convictions and share it, think hard, think harder, keep searching for the way out of the cave and do so with determination and steadfastness: HOC OPUS, HIC LABOR EST; this is the task, this is the challenge (Virgil, Aeneid, VI.129).

Thank you!

Complessità della sintesi

8 Apr

Buongiorno a tutti,

un video di un minuto al posto del solito abstract di una pagina per poter partecipare ad una conferenza che mi interessa: questa è stata la sfida della mia settimana. Pur sapendo di non avere molte possibilità di partecipare al Tedx Paris Universités del prossimo maggio ho deciso di misurarmi con questo  cubo di Rubik del logos. Questa esperienza mi ha dato l’ispirazione per un nuovo progetto: una serie di video da 1 minuto su singoli concetti di grammatica filosofica. Per il prossimo mese ho deciso però di dedicarmi solamente alla tesi: presto raggiungerò  vecchie compagne di studi a Cambridge per un mese tutto virgiliano!

Ornitologia della curiosità

28 Mar

M. Ozouf: “Abbiamo soppresso dall’educazione dei nostri bambini un elemento fondamentale: la noia. Oggi il programma settimanale di un bambino è pieno zeppo di cose da fare. Non c’è più spazio per gli ingredienti necessari all’amore per la letteratura: prima di tutto la noia, i lunghi pomeriggi che si prolungano senza sapere che fare, e poi, la capacità di fantasticare  intorno ai libri”.

A. Finkielkraut: “La noia, diceva Benjamin, è l’uccello che cova l’uovo dell’esperienza”

Traduzione libera da Ce qui peut la littérature, Paris 2006,  p.41.

Buona giornata!

Passato, morto e risorto

4 Dic

Non mi interesso al passato per cercare di farlo rivivere ma perchè é morto. In questa attitudine non c’è alcuna teleologia della resurrezione ma piuttosto la constatazione del fatto che il passato è morto. E’ a partire da questa morte che possiamo dirne cose assolutamente serene , completamente analitiche e anatomiche, non indirizzate ad una possibile ripetizione o resurrezione. (…) Sono un medico, diciamo che sono un “diagnosticatore”. Voglio fare una diagnosi e il mio lavoro consiste ad aggiornare tramite l’incisione della scrittura qualche cosa che rappresenti la verita di cio’ che è morto.

 

Traduzione libera di Michel Foucault, Le beau danger- Entretien avec Claude Bonnefoy.

Progresso bifronte

27 Nov

La scorsa settimana ho avuto la fortuna di partecipare alla riunione di apertura del Collège doctoral européen. Sono entrata nello stato emotivo che ha caratterizzato buona parte del mio soggiorno tedesco: l’esaltazione da interculturalità. Le conferenze obbligatorie durante la mattinata sono state il preambolo ai veri momenti di scambio per antonomasia: la conversazione durante il pranzo, secondo la logica del “Ma é tuo amico? Ci hai mai mangiato assieme?”. Sono rimasta affascinata dai progetti di ricerca dei miei colleghi chimici e biologi: studio di polimeri, progettazione di nuovi materiali ecologici, test su materiali biocompatibili, costruzione di micromacchinari destinati alla compressione molecolare. Ho avuto l’impressione di camminare a braccetto con il futuro. Le l0ro tesi rappresenteranno un progresso certo nell’evoluzione scientifica europea: saranno protagoniste di  nuove scoperte o denunceranno l’impraticabilitá forzata dei percorsi analizzati. Sono rimasta stupefatta del loro interesse verso il tema nodale della prima parte della mia tesi: la realizzazione letteraria di un concetto filosofico influsice sulla sua natura intrinseca? Ho raccontato in punta di piedi  la storia di Enea e della fondazione di Roma: come possiamo essere propositivi per il futuro se siamo amaramente consapevoli di una serie di condizioni esteriori schiaccianti e a influenza negativa?

Lo scorso weekend sono stata a cinema e ho visto un film che ha aperto spunti di riflessione differenti alla domanda che mi ponevo da giorni: quale sarà l’utilità della mia tesi? quali obiettivi devo pormi?

The Black Power Mixtape mostra il valore dell’approccio umanistico nella costruzione delle idee alla base di una rivoluzione culturale. Il film mostra precisamente il cammino  intellettuale percorso dai differenti gruppi antirazzisti: l’autodefinizione della propria identità passa attraverso la mise en forme letteraria e musicale della propria personalità ideologica. Il sostegno popolare deriva contemporaneamente dalla validità del concetto forte di base che si realizza a traverso differenti forme di espressione.

Le idee non costituiscono un progresso tangibile ma rendono sensibile il tessuto sociale ai semi fecondi del cambiamento. Con la mia tesi spero di riuscire a definire in termini funzionali delle nuove categorie interpretative della realtà applicabili a contesti  trasversali: antichità e modernità. Si tratta di una speranza e non di una certezza… Abbandono la postazione tecnologica e mi ricongiungo al vocabolario di latino!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: