Archivio | classicando RSS feed for this section

TFA: tortura formativa attiva?

29 Lug

Giorni intensi per gli studenti italiani decisi a conseguire l’agognata abilitazione per l’insegnamento: giorni dedicati al superquizzone per materie, prima prova del TFA (il nuovo e anomalo tirocinio formativo attivo a pagamento dello studente). Numerosi sono stati i commenti sulla natura delle domande, facilmente misinterpretabili, e sulle possibili scorrettezze nell’ambito dello svolgimento delle prove.
Ho come l’impressione che la critica delle piccolezze permetta di nascondere dietro un dito la gravità della situazione generale: è evidente che il problema non è rappresentato dalle domande e dalle infrazioni amministrative possibili ma dalla natura della prova stessa.

a)Perché il quizzone a risposta multipla non serve a valutare le competenze del singolo:
La logica di un quiz iniziale di scrematura dovrebbe corrispondere alla verifica della padronanza delle competenze di base nella materia prescelta. Porre domande estremamente specifiche significa snaturare il senso della prova e lasciare grande spazio alla fortuna a discapito della competenza.

b) Perché il quizzone a risposta multipla non determina il merito:
il merito non può essere valutato in una prova ontologicamente influenzata dalla fortuna poiché incentrata sulla conoscenza di tutto lo scibile su una materia specifica. La cultura non è possesso asettico di conoscenze ma riflessione metodologica, rigore intellettuale, costanza nella formazione (attitudini valutabili con un tipo d’esame differente).

c)Perché preferisco il sistema francese:
È per questo che preferisco di gran lunga il sistema francese: concorsi statali annuali molto selettivi basati su un programma specifico nazionale. La prova richiede una preparazione annuale molto intensa che permette di giudicare la qualità dello studio dei candidati partendo dallo stesso punto di partenza. Il candidato investe molto tempo e molta dedizione su un esame che da spesso esito negativo. E’ pero consapevole dell’assoluta imparzialità della commissione d’esame.

d) Cosa comporta la promozione della logica del merito:

-lo stato deve sapersi fare garante di una selezione giusta (prove anonime, nazionali, uguali per tutti i concorrenti, unica giuria nazionale)
– il candidato deve accettare che l’adesione alla logica del merito impone di distinguere i meritevoli  dai non meritevoli (chiaramente il concetto di meritevole non è da comprendere in senso assoluto, si è meritevoli secondo i parametri stabiliti dall’esame specifico).
E ancor più difficile è accettare che, nonostante le nostre qualifiche, potremmo potenzialmente far parte dei non-meritevoli, poiché esaminati su un programma determinato da una giuria competente che non tiene conto del nostro percorso pregresso.

Un rischio che vale la pena di correre in nome di una selezione più equa, capace di far sentire chi la supera non miracolato ma ben preparato.

Stop

24 Lug

We have to stop somewhere, but we also have to face the fact that any particular stopping-place is therefore our choice, and carries with it ideological implications.

Don Fowler, On the Shoulders of Giants: Interxtuality and Classical studies, MD 39 (1997),p.25.

Retorica della mobilità

4 Lug

La conversazione quotidiana con autori antichi morti e stramorti mi aiuta a superare i momenti di vuoto abissale che a volte mi stringono la gola: la struttura del pensiero umano è tendenzialmente, in maniera banale e rassicurante, uguale a se stessa nei secoli e nei secoli.
Quando sono assalita dai dubbi sul mio percorso ragiono sempre in termini antitetici. Davanti ai miei occhi si delineano due nuvolette: la prima bianca e paradisiaca, melenso melange di sicurezza e creatività; la seconda, grigia e temporalesca, all’insegna del “chissà che sarà”.
Lo studio della retorica classica mette in evidenza la preferenza squisitamente umana per la figura dell’antitesi: inquadrare la realtà in categorie opposte ed alternative è la migliore garanzia per una stabilità fittizia. Ecco davanti a noi, i buoni e i cattivi, i giusti e gli ingiusti ed, ultimamente, quelli che partono dall’Italia e quelli che restano in Italia.
Un commento senza peli sulla lingua. Sfuggiamo alla più banale delle illusioni: restare non significa forzatamente resistere per la collettività, partire non corrisponde necessariamente ad una fuga alla rincorsa dei propri interessi personali.
D’altra parte l’antitesi punta a valorizzare due termini attraverso la loro reciproca contrapposizione, si costruisce su un giudizio di valore e non di verdicità.
Teniamo a mente questo monito letterario ed umano, scovato su un libro del primo novecento:

“The unthoughtful reader frequently needs to be reminded that a sentence is not necessarily true because it is antithetical.”
J. Rossiter, The alphabet of rhetoric, 1903

Classical donuts: that’s it!

9 Giu

Ladies and Gentlemen, good evening! Every day, on social networks, we codify our identity through the description of what we are doing (I’m eating a donut), what we love (I like donuts) and what we are able to do (My skills include eating donuts). In real life, I am not a social media expert nor a pastry-cook but a classical philologist: in short, I study ancient texts in order to reconstruct Greco-roman civilization and I’m sure that the Greeks would have liked to add a line to this table: “Why am I eating a donut?” For the ancient Greeks, to know means to know through causes. By posing the question why, they were able to deeply restructure our world. From here on, I’d like to invite you to share with me an exceptional snack; I shall offer you my classical donuts. Four donuts to represent the four activities at the heart of classical studies: reading, editing, translating, and interpreting. Four activities through which I hope to let you discover four spiritual attitudes indispensable for exploring the question of why in the modern world.

 1) Reading and honesty

Schopenhauer said about the classics: “Take any one of them into your hand, be it only for half an hour, and you will feel yourself refreshed, relieved, purified, ennobled, strengthened”. You can imagine my disappointment when, most of the time, after several hours of work on the same text, I feel like…this! Where did I go wrong? In fact, reading the classics initially make us tired, bores us and overloads us. Reading classics teaches us the importance of intellectual honesty. The admission that the classics are not made to be understood at first sight is indispensable for having the satisfaction which pervades us when, after having overcome many obstacles, we finally manage to feel the text. More generally, when, in real life, we find ourselves confronted with something difficult, we should not feel downcast or give ourselves over to false intellectualism. Instead, understanding our limits and in what way the inaccessible is different from us represents the first step toward the conquest of knowledge.

 2) Edition and democratization

Imagine I had accidentally spilled a cup of good Italian coffee on the notes that I prepared for this conference. Now imagine being in another epoch without printers or PDF files and that some people, finding this text, decide to copy it with the purpose of diffusing it. We could have many copies of my text all characterized by a gap corresponding to the coffee stain. Thanks to this gap, a philologist could easily identify this text as a second-hand text, which is then, in principle, less trustworthy. This example teaches us a lot of things about the situation of information nowadays, organized in big macro groups. If one piece of information is omitted by the primary source, we would probably find the same omission in the dependent copies. In order to bring about the democratization of information we don’t need to multiply the sources infinitely. We need instead, as in the field of editing, to engage in the choice of pertinent criteria for selecting and reusing these pieces of information.

 3) Translation and abstraction

The practice of translation has taught me the distinction between the method and the objective of an enquiry. In my field of study, rigorous linguistic analysis is an indispensable tool but it doesn’t coincide with the final goal, with the deep motivation that animates the translator: by this, I mean the reconstruction of the global sense of the text. The balance between method and objective occupies a central place in the current debate on education.

Was education to make students better men and citizens, or to prepare them for the real world? (As if the two goals were different!) V.D.Hanson, J.Heath, Who killed Homer? 1998

The package of essential knowledge transmitted to us by education is a way to access, through an effort of abstraction, a higher goal: constructing our own morality and elaborating our vision of the world. The distinction between method and objective requires us always to make an effort of abstraction, which allows us to place that what we want to do instead of what we can already do at the top of our pyramid of priorities.

 4) Interpretation and responsibility

The sense of a text is reconstructed by contextualizing the text’s micro units: every word can potentially influence the overall interpretation. We are like the words of a text, we are bearers of sense. We should stop considering change as an exterior element, imposed on us by society or the latest technological innovation. We should instead internalize the changes and understand that, in spite of ourselves, we constitute fundamental elements for the construction of collective meaning.

 Our snack is now over. Reading, editing, translating and interpreting. Why have I told you all this? I hope to inspire a silent global change. Leaving here, take up the challenge of revolutionizing your personal knowledge. Develop variety, make your objectives clear, verify your sources but above all undertake as a priority the responsibility to feed daily your curiosity, read, structure your vision of the world around your convictions and share it, think hard, think harder, keep searching for the way out of the cave and do so with determination and steadfastness: HOC OPUS, HIC LABOR EST; this is the task, this is the challenge (Virgil, Aeneid, VI.129).

Thank you!

English breakfast

29 Apr

Non scrivo da una ventina di giorni. Le cose da dire nascono spesso dall’esperienza: la fine dei corsi in francia ha aperto un periodo di peregrinazioni europee, boccata d’aria dopo la routine quotidiana. Il mio disordine mentale costante mi porta ad amare molto le liste. Quando comincio una lista mento a me stessa: la prima parola troneggia tondeggiante, in una calligrafia che non mi appartiene, nei confini della riga. So bene che questa finzione cederà il passo all’incoerenza. Perdonatemi per la natura random delle osservazioni seguenti.

1)Ho preso l’aereo da sola. Per anni e anni ho sviluppato la tecnica retorica della persuasione, costringendo amici, parenti, fidanzati, ad accompagnarmi fino all’altro capo del mondo. Finalmente sono riuscita a vincere  questa paura. Mi ha aiutato molto il consiglio di un medico. Chi ama controllare tutto, gestire e coordinare la sua vita nel dettaglio soffre particolarmente le situazioni di presunto pericolo sulle quali l’operato del singolo non ha influenza. “Homo faber fortunae suae” contro ineluttabilità degli eventi. Riflettendo a questo problema filosofico (che da brava filologa maniaca mi sembra centrale nell’Eneide) ho superato indenne le due ore del volo Karlsruhe-Bari.

2)Presto spero di poter partecipare ad una conferenza che apprezzo molto. Tema: valore dei classici associato alla bontà delle ciambelle. Chiaramente si tratta di una metafora ironica. Ieri pero’ ho sognato un donut gigante che mi infilzava con un tirso. L’angoscia produce nel mio inconscio trashate mitologiche.

3) Oggi mi prude il naso. Sono felice. Quella felcità che solo lo spaesamente e l’immersione in un mondo nuovo possono provocare. Sono felice per la nostalgia verso quello che, per poco tempo, lascio: ne conferma l’importanza. Il letto di Bari e i suoi strati multipli tra lenzuola e coperte amorevolmente ordinate dalle mani materne; l’espressione seria e orgogliosa di mio padre; la soddisfazione e i sorrisi sul volto di care amiche;  la cucina millecolori di strasburgo e la vinaigrette di elodie; l’osservazione dei  montoni (si, vivi e vegeti) del giardino della biblioteca lionnese in un sabato mattina di studio, assieme al mio fidanzato; l’espressione concentrata di mia sorella minore, impegnata nella contrattazione  per un tragitto su un tuctuc indiano. Sono felice per quello che trovo in questa Inghilterra tutta da scoprire. Il cambiamento mi fa respirare, ritrovo il piacere delle piccole cose: fare colazione da sola davanti ad un inglesissimo piatto di fagioli leggendo un saggio nuovo di zecca; entrare in biblioteca vestita da ciclista tedesca, con annesso giubbotto fluorescente, senza rendermene conto; imparare la strada per tornare a casa; guardare la pioggia tamburellare sul tavolo del giardino mentre stringo, nel mio inconfondibile stile da nonnina, la borsa dell’acqua calda; te e biscotti con un’amica.

E ora mi metto a dormire. Da domani basta smancerie: mi ritransformero’ in topo da biblioteca.

Buonanotte

Complessità della sintesi

8 Apr

Buongiorno a tutti,

un video di un minuto al posto del solito abstract di una pagina per poter partecipare ad una conferenza che mi interessa: questa è stata la sfida della mia settimana. Pur sapendo di non avere molte possibilità di partecipare al Tedx Paris Universités del prossimo maggio ho deciso di misurarmi con questo  cubo di Rubik del logos. Questa esperienza mi ha dato l’ispirazione per un nuovo progetto: una serie di video da 1 minuto su singoli concetti di grammatica filosofica. Per il prossimo mese ho deciso però di dedicarmi solamente alla tesi: presto raggiungerò  vecchie compagne di studi a Cambridge per un mese tutto virgiliano!

Pedagogia esemplare

12 Mar

In India ho assistito ad uno dei corsi di mia sorella.

Sono rimasta affascinata dalla chiarezza, dall’acume e dall’ironia di questa giovane ed elegantissima professoressa di economia indiana.

Da non dimenticare per insegnare:

-la bellezza dell’astrazione: tutto, persino una crisi economica complessa, é riassumibile tramite pochi concetti chiave. Non annoiare con dettagli inutili ma disegnare chiaramente le grande linee generali.

-la retorica dell’insegnamento: personalità e carattere da condensare in un tono di voce ritmato per tenere svegli gli studenti.

-l’autonomia di pensiero: non avere paura di esprimere un’opinione impopolare se supportata da dati scientifici: “Germans have gone mad!”

E ancora una delle mie conversazioni TED preferite: la lessicografia in tutta la sua leggerezza digitale.

Buona visione

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: