Passato, morto e risorto

4 Dic

Non mi interesso al passato per cercare di farlo rivivere ma perchè é morto. In questa attitudine non c’è alcuna teleologia della resurrezione ma piuttosto la constatazione del fatto che il passato è morto. E’ a partire da questa morte che possiamo dirne cose assolutamente serene , completamente analitiche e anatomiche, non indirizzate ad una possibile ripetizione o resurrezione. (…) Sono un medico, diciamo che sono un “diagnosticatore”. Voglio fare una diagnosi e il mio lavoro consiste ad aggiornare tramite l’incisione della scrittura qualche cosa che rappresenti la verita di cio’ che è morto.

 

Traduzione libera di Michel Foucault, Le beau danger- Entretien avec Claude Bonnefoy.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: